Home / Fitness & Salute / Il post maratona? Son dolori! Prova a recuperare così

Il post maratona? Son dolori! Prova a recuperare così

Giovanni Cremonte fonte gazzetta.it

Dalla crioterapia al massaggio passando per lo stretching, ecco i modi per sconfiggere acido lattico e fatica

Chi per la prima volta affronta la regina delle distanze, deve considerare che nel “pacchetto maratona” acquista anche un “post maratona” da non sottovalutare. Nelle ore immediatamente successive all’impegno, come rimedio rigenerante molti atleti adottano un metodo basato sulla crioterapia cioè ghiaccio o acqua fredda sulle parti muscolari maggiormente sollecitate per ottenere un effetto lenitivo di muscoli, tendini e legamenti. Molti altri invece optano per il massaggio, purtroppo però se troppo profondo ed energico è spesso controindicato. Ideale sarebbe una passata sfiorante con creme rinfrescanti senza comprimere troppo i muscoli.

Un altro metodo è lo stretching: in molti si cimentano subito dopo le prime ore, il mio consiglio è quello di rimandare di almeno 24 ore in quanto i muscoli affaticati e indolenziti è meglio che ritornino in una situazione di stato normale in modo senza essere troppo sollecitati. Un rimedio che trovo utile per il post gara è indossare le calze a compressione graduata che favoriscono il flusso sanguigno di ritorno e il riciclo di scorie e cataboliti dando una piacevole sensazione di sollievo e leggerezza. La sera dopo cena anche una semplice aspirina può aiutare a ridurre l’affaticamento e lo stress tendineo e muscolare, così come un buon bagno caldo con sale grosso da cucina e bicarbonato svolge un effetto disintossicante. Grazie al tepore dell’acqua calda si può ottenere un buon effetto rilassante di tutto il corpo.

Appena svegli, eccoci ad affrontare delle sensazioni mai provate prima. Le gambe, doloranti e ammaccate, sembra non vogliano saperne di scendere dal letto. I primi passi sono deleteri ma l’indolenzimento si attenua dopo una bella doccia calda e una colazione abbondante. Queste sensazioni doloranti si avvertiranno per tutto il resto della giornata e in particolar modo scendendo le scale, piegandosi sulle ginocchia, o nell’atto di salire e scendere dalla macchina. L’ideale il giorno dopo sarebbe nuotare in piscina per una mezzoretta o uscire per una leggera passeggiata in bicicletta in modo da riattivare bene la circolazione mobilizzando le articolazioni di caviglie, ginocchia e anche. Molti podisti trovano beneficio a stare completamente a riposo o anche effettuare idromassaggio o bagno turco.

Dal secondo giorno in poi un bel massaggio disintossicante accelera il processo di decongestione con effetto decontratturante dei muscoli di tutto il corpo. Adesso puoi anche dedicarti a qualche esercizio di allungamento, naturalmente molto blando. A metà settimana, prima di ricominciare a correre, una seduta osteopatica è utile per riallineare la colonna con il bacino e gli arti e scongiurare così eventuali danni provocati dalla maratona (compensi da stanchezza fisica e sforzi). Ricorda: è bene dedicare tutta la settimana al relax e al recupero psicofisico, le fibre muscolari ti ringrazieranno.

CRISCENTI Cosimo

CRISCENTI Cosimo
Tessera n. LC003539